Blog

ecobonus

Ecobonus 65% anche per il 2017

L’ecobonus del 65% è invigore anche nel 2017:

ecco gli interventi ammessi alla detrazione

Per tutto il 2017 è possibile usufruire dell’ Ecobonus per le spese sostenute per il miglioramento dell’efficienza energetica e del riscaldamento dell’abitazione.

Nello specifico, si possono detrarre al 65% le imposte per i seguenti interventi:

  • miglioramento termico dell’edifcio (coibentazioni, pavimenti, finestre e infissi);
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi di domotica, cioè installazione di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento.

 

i documenti da conservare:L’Agenzia delle Entrate

L’Ecobonus 2017 viene erogato soltanto con l’invio da parte del contribuente per la spesa di ristrutturazione dei seguenti documenti:

  • asseverazione di un tecnico abilitato o la dichiarazione resa dal direttore dei lavori;
  • attestazione di partecipazione ad un apposito corso di formazione in caso di autocostruzione dei pannelli solari.
  • certificazione energetica dell’immobile fornito dalla Regione o dall’Ente locale o attestato di qualificazione energetica predisposto da un professionista abilitato.

Entro 90 giorni dal termine dei lavori di riqualificazione energetica bisognerà trasmettere all’Enea

la scheda informativa degli interventi realizzati e la copia dell’attestato di qualificazione energetica. ( in modalità telematica )

Se i lavori riguardano più periodi d’imposta, bisognerà comunicare le spese effettuate nei periodi precedenti all’Agenzia delle Entrate.

  • indicazioni del pagamento

    Sempre l’Agenzia delle Entrate ha specificato che le regole del pagamento variano:

    • nel caso di contribuenti non titolari di reddito d’impresa,
    • il pagamento delle spese deve essere effettuato esclusivamente tramite bonifico bancario o postale.
      I contribuenti nel versamento con bonifico dovranno indicare la causale del versamento,
      il codice fiscale del beneficiario della detrazione,
      il numero di partita Iva o il c.f. del soggetto a favore di cui si effettua il pagamento;
    • i contribuenti titolari di reddito d’impresa non sono soggetti all’obbligo di pagare tramite bonifico
      ma l’importante è conservare idonea documentazione per la prova delle spese.

No Comments

Post a Comment